Un Fatto Quotidiano

Apprendo che Schifani – presidente del Senato della Repubblica – sta passando le acque alle vicine terme; dicono sia super blindato da un apparato di sicurezza vasto e molto robusto, pagato da noi. Penso che dopo i recenti fatti di Aulla, dopo gli articoli che parlano di “italiani che hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità”, dopo aver ascoltato in questi giorni la rabbia delle persone ‘normali’, dei borghesi d’antan, dei vecchi, dei giovani, dei disoccupati, in questa Italia che ci dicono essere in bilico e necessitante di risparmi di spesa pubblica, in questo paese che va letteralmente a rotoli, sia naturale che i politici che si scordano di dare l’esempio prendano le loro brave precauzioni. La compensazione al mio moto di disappunto (understatement opportuno) per i costi dell’apparato di sicurezza che graveranno su noi cittadini, mi viene da una sublime zuppa di castagne e funghi porcini, che consumo in solitudine e relax, accompagnata da un buon Rosso di Montalcino, chez Pino e Daniela. E un’ulteriore soddisfazione mi viene dal pensiero che il presidente del Senato pro tempore non potrà mai permettersi questo lusso!

9 pensieri su “Un Fatto Quotidiano

  1. Non ambirei mai alla seggiola della seconda carica dello stato per non perdere il piacere di stare i cinque minuti servono da sotto un ulivo o a sedere sopra un sasso per vedere il mio piccolo mondo la sera va a dormire e per dover stringere istituzionalmente mani a chiunque si abbia davanti, senza prima aver fatto una belle cernita fra persone normali e teste di minchia.

    • Si può anche ambire alla seconda carica, caro Andrea, e credo si possa anche starci in modo più nordico tra virgolette, ovvero senza bisogno di aggravare i cittadini con i costi della propria insicurezza. Il sor Cameron tanti altri insegnano….
      Quanto a stringere mani stringibili è un altro discorso.

    • Mi permetto – per rialzare l’umore – di segnalare alla tua (e altrui) attenzione la zuppa di castagne e funghi porcini; non esattamente dietetica, ma certamente consolatoria delle iatture di questo autunno fradicio di notizie deprimenti.

  2. Pingback: Andrea Pagliantini » Blog Archive » Omessa presentazione denuncia dei redditi annata 2005

    • Mi domando se c’è una specie di censura automatica: non riesco a passare il tuo commento: vediamo così, commentandolo io!

Rispondi