Più vedo, più guardo. Più leggo, più capisco

 

DSCN1939“Sia io, sia Vasilij Ivanovic siamo sempre rimasti colpiti dall’anonimia delle varie componenti di un paesaggio, così pericolosa per lo spirito, dall’impossibilità di non riuscire mai a scoprire dove conduce quel sentiero che … e guarda com’è invitante quel folto d’alberi! Capitava che su un pendio lontano o in uno scorcio intravisto fra le piante comparisse e, diciamo così, restasse immobile per un istante, come l’aria trattenuta nei polmoni, un luogo tanto incantevole – un terrazzamento, un prato, l’espressione perfetta di una bellezza tenera e benevola – da far credere che fosse possibile fermare il treno e andare là, per sempre, da te, amore mio … Ma mille tronchi di faggio già balzavano avanti forsennati, turbinando in una pozza sfrigolante di sole, e di nuovo svaniva l’occasione di raggiungere la felicità”

Anch’io come Vasilij ho imparato il paesaggio nei lunghi viaggi in treno fatti con mia madre che mi esortava a guardare e a ‘vedere’ ciò che guardavo. Sono stati i libri, poi, a darmi gli strumenti per leggere anche le emozioni che provavo e che continuo a sentire nel guardare e vedere il paesaggio, i paesaggi – anche i più consueti -. Ho trovato quel sentire, così ben descritto nei racconti di Vladimir Nabokov, quelli raccolti sotto il titolo “Una Bellezza Russa”; la citazione è tratta dal racconto intitolato “Nuvola, lago, castello” e penso che racconti perfettamente il sentimento di chi guarda (e vede e perciò sente!) il paesaggio in cui noi umani viviamo, camminiamo, e agiamo.

Forse sta crescendo una nuova sensibilità, ma il gusto del paesaggio (il senso estetico di ognuno è davvero influenzato da fattori e circostanze e frequentazioni) che potrebbe accomunare molti, è fortemente incrinato dalla banalizzazione televisiva e dall’arrivismo (anche legittimo in un certo senso) di quelli che, costruendosi una casa, o ristrutturandone una, o arredandola, o piantumando il proprio giardino, sono sospinti e motivati in modo confuso – nelle loro scelte – dall’incapacità di ‘provare emozioni’, se non quelle suscitate dall’idea del possesso e dai soldi. Tutt’ora!

E’ abbastanza inevitabile in un paese povero come il nostro: povero d’idee che non siano legate (ancora) all’idea di successo, soldi, esposizione di ciò che i soldi che uno ha guadagnato consentono di avere. Avere per essere, anzi per apparire, come un po’ sommariamente citava il Renzi Matteo – addobbato Scervino – (meglio essere che apparire, eccetera, si vede che gli avevano parlato di Eric Fromm) in uno dei predicozzi ammanniti all’incolto (nella sua lettura non completamente inesatta dell’italiano medio: altrimenti chi lo voterebbe?!) e un po’ meno all’inclita.

Eppure il paesaggio è un capitale sociale che solo il nostro cattivo gusto collettivo, o le rapine a cui è soggetto in questi frangenti il nostro paese, possono sottrarci. Ed è un bene importante (sarebbe), perché vivere in un bel paesaggio è alla base di una qualità di vita superiore: qualcosa che potremmo anche commercializzare, proponendola a chi non ce l’ha e viene a cercarla da noi  e siccome noi siamo un paese di non lettori, non abbiamo gli strumenti conoscitivi (e di sensibilità) indispensabili a capire e tradurre ciò che capiamo in fatti, comportamenti, modi di sentire.

A questo serve leggere: non per obbligo nemmeno per citare, e non per esibire. Troppa tv brutta, sciatta, banale hanno annichilito la vera crescita dell’Italia.

2 pensieri su “Più vedo, più guardo. Più leggo, più capisco

  1. Certo, un bel paesaggio arricchisce l’anima. Ma sul come tutelarlo, mantenetelo e, alla fin fine, gestirlo bisogna intendersi. E non è cosa semplice. La Regione Toscana con il suo PIT ci ha appena dato un esempio chiaro di come un approccio ideologico genera solo danni. Io sul paesaggio ho un’idea molto più laica; limitiamoci a impedire gli scempi, e lasciamolo evolvere seguendo le tante necessità di chi l’ha creato. Un tempo le colture erano fatte dalle vacche, per cui i campi erano piccoli. Oggi ci sono solo i trattori, ed i campi sono necessariamente grandi. Una volta c’erano ampie colture di tabacco, canapa, bolognino e tante altre cose, che oggi sono sparite per la semplice ragione che quella roba non la consumiamo più. In Maremma c’erano ampi campi di pomodori, ora dove sono? Le bufale sono sparite, e poi tornate. Ma non per questo la campagna è meno bella. E come riesce a esserlo pur cambiando sempre? Basta conoscere queste terre per sapere che è grazie allo spirito bizzarro e anarchico di noi Toscani, siamo sempre e solo noi che continuiamo a crearla e ricrearla continuamente. Piaccia o non piaccia qui (e solo qui) c’è un genius loci, una cultura del bello così condivisa che non ha neppure coscienza di sé eppure pervade tutto. Ma come fare a spiegare una cosa così ovvia a gente ideologizzata come la Marson e i territorialisti, che credono che vada regolamentato anche il modo con cui si va al cesso?

Rispondi