Ciao Luciano!!!

Dopo una settimana di tormenti – ma chi dice che è finita qui? – sono riuscita a rientrare nel mio blog. Tutto dipende dalla mia ignoranza degli strumenti più elementari, e dalla mia supponente convinzione che “avere contenuti ti esime dalle competenze astruse, come quelle tecniche” … Invece no!, davvero non è così e io dovrei pure saperlo, perché se il media è (almeno un po’, ma invece lo è molto) il messaggio, allora bisogna acquisire almeno le basi, almeno quelle che ti permettono di padroneggiarlo e non vagare per giorni alla ricerca del tuo sito perduto.

Però lasciatemi almeno scrivere che queste macchine sono davvero create da addetti (una setta vera e propria) che usano logiche da cui mi sento tagliata fuori. Lasciatemi dire anche quanto ci si senta tagliati fuori – qui in campagna – con connessioni insufficienti e ballerine, onde vaganti e capricciose: insomma lo so che a Milano non ci sono problemi, ma proprio là dove ti serve di più la connessione è qualcosa di aleatorio. Questa campagna sarebbe perfetta se potessi dialogare a mio piacimento, invece è come se ci si dovesse sempre preoccupare degli aspetti tecnici, anziché della sostanza delle cose!

Per fortuna c’è Luciano, per fortuna c’è Alessandra, per fortuna ho recuperato un bel po’ di memoria, anche se non sono a mio agio – nemmeno come postura – davanti a questo portatile alieno.

Per fortuna c’è il sole, caldo e convincente, quasi un messaggio rivitalizzante. La luce cambia le cose: te ne accorgi quando fotografi e scopri che la campagna ha mille volti.

Rispondi