E’ primavera: meglio il diserbo o gli F35?

DSCN9181

Ci si era già messo il tempo: appena scoccata la data, è caduta la neve, è scesa la temperatura, una grandinata ha imbiancato le strade. Ma temperatura e intemperie a parte, la gelata è arrivata con le risposte della signora Pinotti a un’altra signora di cui ho dimenticato il nome, sull’utilità degli F35 (a che servono gli F35?, era la domanda), risposte che hanno ulteriormente abbassato la mia fiducia nella compagine femminile di questo governo.

Ma sul genere femminile al governo avevo già – negli ultimi decenni – avuto le mie delusioni. In effetti prima dei discorsi di genere, bisognerebbe pensare al genere di persone … ma è meglio pensare alla primavera. Però anche quest’anno la primavera, oltre al freddo ha portato con sé un bel po’ di diserbante. Con una piccola novità, anzi con una novità per i piccoli!

La frazione è quella di Sant’Angelo Scalo, il luogo preciso è quel grazioso pratino costellato da alberi (molti tigli …) con una deliziosa panchetta accanto a una fontanella e un bel glicine che aggiunge al tutto un tocco liberty. Il pratino è una distesa di pratoline così fitte da distrarre chi passa accanto in auto, e ognuno pensa, guardando e ammirando: è primavera!

Oggi, stavo proprio pensando agli F35 e a quanto (e in che modo) graveranno sulle nostre prossime primavere quando l’occhio per consolarsi da quei brutti pensieri mi è caduto sul meraviglioso pratino di cui sopra, e … il pratino non c’è più!

Al suo posto, un po’ di chiazze giallastre nel rimanente verde; le pratoline fiorite ridotte a poche chiazze – qua e là -, lo scivolo dei bimbi deserto e lucido di pioggia … e proprio dietro un F35 in attesa del dottor Stranamore.

2 pensieri su “E’ primavera: meglio il diserbo o gli F35?

  1. Mia cara Silvana, nel migliore dei mondi possibili nessuno calpesta le pratoline. Pensavamo che ormai eravamo diventati tutti civili, e poi nella colta e cosmopolita Sarajevo è successo quello che è successo. Roba da incubi nazisti dietro l’angolo di casa, e poco tempo fa. Lo studente di piazza Tienanmen lo hanno schiacciato come un insetto, e Putin si è mangiato la Crimea solo ieri. Se tu avessi casa a Tallinn, città pacifica e amichevole, dormiresti tranquilla? Certa gente purtroppo non si ferma con i fiori, né con la civile deprecazione o la non violenza gandhiana; con gli inglesi funzionava ma russi, cinesi, persiani e mille altri simili se la mettono sotto le scarpe. Neppure con cento F35 ci salviamo, certo, ma cento noi più chissà quanti la Germania e tutti gli altri fa qualcosa, e può far temere ai calpestatori di pratoline che se ci pesta gli può costare caro. A questo servono, e la povera Pinotti non ha di certo mai avuto idee da dott. Stranamore.

    • Ma no! mica ce l’ho con la Pinotti che con gli F35 c’entra come i cavoli a merenda; si parla di quegli uccelloni dai tempi di Prodi o forse era Berlusconi … certo la Pinotti con c’entra nemmeno con il dottor Stranamore … ma è abbastanza strana di suo.
      PS: Ma il prato l’hanno innaffiato col diserbante, proprio intorno allo scivolo dei bimbi … e insomma non va bene (e non fa bene!).