La vendemmia del Ciolfi

DSCN7388DSCN7354

Ormai , per me è una tradizione semplice e schietta, come Luciano – il Ciolfi di San Lorenzo – montalcinese verace e uno dei Brunello che mi piace bere (li ho contati e se capita ve li racconto). La vendemmia vorrebbe dire che sono invitata a pranzo, ma quest’anno non ce la faccio; tuttavia non rinuncio a una capatina tra vigna e cantina, perché imparo sempre, da Luciano, uno che ha la mente aperta: un montalcinese capace di pensiero laterale, quindi con l’overdrive, che  – sappiamo – aiuta sempre. Poi c’è il nonno Bramante – novantott’anni così pacatamente portati che ti riconcilia con la vita … e non è un dettaglio!

DSCN7396 Mi faccio spiegare come mai la vigna è di due colori nettamente diversi tra loro, ed è perché reagisce a due micro zone, in cui il terreno, ma forse anche il microclima, sono differenti tra di loro …

DSCN7392

Vado a vedere i grappoli: l’uva è più bella dell’anno scorso, ma Luciano è molto cauto e mi dice “vedremo che cosa viene fuori” …ma mi pare piuttosto sorridente.DSCN7387DSCN7379

Poi però corro a vedere la diraspatrice, perché voglio vedere l’uva “al lavoro”. E’ un momento pieno di festosa appiccicosità: ti viene voglia di buttarti in mezzo agli acini che luccicano e sembrano vivi …

DSCN7387 DSCN7423DSCN7407DSCN7378DSCN7405

Come Paperone nel suo forziere, così Luciano potrebbe tuffarsi nei chicchi vibranti della sua uva. Quanta ricchezza, e che bella vendemmia!

6 pensieri su “La vendemmia del Ciolfi

    • Eh la vendemmia, lo sai, è un tema affascinante. Al di là dei grappoli, dello spettacolo della vigna che sembra già spogliarsi, c’è il senso di un lavoro biblico – nel vero senso della parola – e … insomma a me fa una grande impressione; inoltre mi ricorda la prima vendemmia vista da queste parti, con la gente del luogo – tutti notevolmente vecchi – e mi dà un senso di appartenenza che mi rende dimentica di tutto il resto… In bocca al lupo per domani!

Rispondi